Caduceo

Le eruzioni cutanee della dermatite allergica da contatto spesso si ripresentano negli stessi punti, anche molto tempo dopo la guarigione: ecco perché.

Un gruppo di studiosi del International Center for Infectiology Research, dell’Inserm, della Université Claude Bernard Lyon 1, dell’Ecole Normale Supérieure de Lyon e del CNRS ha voluto spiegare perché le eruzioni cutanee ritornano esattamente negli stessi punti.

I ricercatori hanno scoperto che non solo gli allergeni persistono nella pelle per diverse settimane, ma nelle aree delle lesioni proliferano e rimangono per lunghi periodi anche delle cellule immunitarie note come linfociti T della memoria, residenti nei tessuti,
riattivando le eruzioni cutanee dell’eczema in caso di nuova esposizione all’allergene.

Nella dermatite allergica da contatto l’infiammazione degli strati superiori della pelle può durare diversi giorni, persistendo finché la zona rimane a contatto con l’allergene, con la possibilità di croniciczzarsi.

L’infiammazione si manifesta sotto forma di eruzioni cutanee localizzate accompagnate da prurito e bruciore, e riappare se le aree guarite sono ri-esposte all’allergene.

I linfociti T della memoria residenti nei tessuti sono cellule immunitarie che persistono nei tessuti periferici come la pelle nel lungo periodo.

Queste cellule contribuiscono alla risposta immunitaria secondaria che, pur essendo molto rapida ed efficace contro gli agenti patogeni già incontrati, può esacerbare alcune patologie infiammatorie come la dermatite allergica da contatto.

I ricercatori hanno osservato che gli allergeni rimangono sulla pelle almeno per un mese, molto più tempo di quanto pensato.

Questa persistenza degli allergeni nelle aree guarite potrebbe spiegare la stimolazione nell’arco di diverse settimane della proliferazione di specifici linfociti T, così come la loro persistenza nelle lesioni delleczema.

Infine, i ricercatori hanno osservato che la riattivazione dei linfociti T responsabili delle eruzioni è soggetta ad un retro-controllo reso possibile da uno specifico set di recettori inibitori portati dagli stessi linfociti T.

Per saperne di più
For more information
The Journal of
Allergy and Clinical
Immunology
Inhibitory checkpoint receptors control CD8+ resident memory T cells to prevent skin allergy
Link…

Inserm
Link…

Marco Dal Negro

This post is also available in: enInglese

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest

About the Author

Nota bene: Nelle diverse lingue i contenuti possono cambiare anche nella sostanza