Staphylococcus epidermis
Photo Credit: Janice Carr Content Providers(s): CDC/ Segrid McAllister

Secondo ricercatori della University of Melbourne in parte dell’Europa alcuni ceppi di Staphylococcus epidermidis sono diventati super-batteri resistenti a tutti gli anitbiotici conosciuti.

La Dottoressa Jean Lee ed il Professor Ben Howden, suo supervisore, hanno identificato 3 ceppi del batterio Staphylococcus epidermidis ormai resistenti sia alla rifampicina che alla vancomicina, antibiotici di uso corrente per le infezioni.

Il Professor Howden, un clinico che è anche direttore del Microbiological Diagnostic Unit Public Health Laboratory al Doherty Institute, si dice particolarmente preoccupato perché soprattutto la vancomicina è usata come ultima linea di difesa contro le infezioni.

Lo Staphylococcus epidermidis, un componente della flora batterica umana ampiamente presente sulla cute sana, si è evoluto diventando un formidabile patogeno tipico degli ospedali.

E’possibile che la pratica di usare attrezzi medicali impregnati di rifampicina, quindi disinfettati sempre con lo stesso antibiotico, abbia fatto evolvere i batteri rendendoli resistenti al farmaco.

Staphylococcus epidermis 2
Photo Credit: ARTISMICROPIA

Utilizzando la genomica i ricercatori hanno scoperto che negli ultimi decenni si sono sviluppati e diffusi a livello globale tre ceppi di Staphylococcus epidermidis resistenti a più farmaci, adattatisi agli ospedali (due ST2 ed un ST23).

I ceppi sono resistenti alla rifampicina grazie all’acquisizione di specifiche mutazioni del gene rpoB, diventate permanenti nelle popolazioni.

L’analisi di campioni provenienti da 96 istituzioni di 24 Paesi ha individuato la doppia sostituzione del RpoB D471E e I527M come la causa più comune di resistenza alla rifampicina per lo Staphylococcus epidermidis, rappresentanto l’86,6% delle mutazioni.

Lo studio ha dimostrato che queste mutazioni del rpoB non solo conferiscono resistenza alla rifampicina, ma riducono anche la sensibilità agli antibiotici glicopeptidici di ultima linea, la vancomicina e la teicoplanina.

Per saperne di più
nature microbiology
Global spread of three multidrug-resistant lineages of Staphylococcus epidermidis
Link…

European Society of Clinical Infectious Diseases
CMI – Clinical Microbiology and Infection
Staphylococcus epidermidis: why is it so successful?
Link…

The University of Melbourne
Link…

Marco Dal Negro

This post is also available in: enInglese

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest

About the Author

Nota bene: Nelle diverse lingue i contenuti possono cambiare anche nella sostanza