In molti casi di cancro iniziale al seno la chemio è inutile, non porta benefici sostanziali: il Congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) 2018 ha portato una buona notizia per molte donne con carcinoma mammario positivo ai recettori ormonali (HR), negativo ai linfonodi HER2 e ascellare.
Quelle che dopo l’intervento chirurgico si sottopongono al trattamento con chemioterapia e terapia ormonale, non hanno risultati migliori rispetto quelle che seguono la sola terapia ormonale.

Secondo gli autori del nuovo studio, i risultati suggeriscono che la chemioterapia può essere evitata in circa il 70 per cento delle donne con carcinoma mammario positivo ai recettori ormonali (HR), negativo ai linfonodi HER2 e ascellare:

.  di età superiore a 50 anni e con un punteggio di ricorrenza di 11-25 (45 per cento);

.  qualsiasi età con un punteggio di ricorrenza di 0-10 (16 per cento);

.  50 anni o meno con un punteggio di ricorrenza di 11-15 (8%).

Complessivamente la notizia in Italia si calcola che possa interessare circa 3.000 donne all’anno.

“Questi dati confermano che l’utilizzo di un 21-gene expression test per valutare il rischio di recidiva del cancro può permettere di evitare alle donne trattamenti inutili”.

“I nuovi risultati di TAILORx (Trial Assigning Individualized Options for Treatment (Rx), o TAILORx trial) forniscono ai medici dati di alta qualità per fornire raccomandazioni personalizzate per il trattamento delle donne”, ha affermato l’autore principale Joseph A. Sparano, M.D., direttore associato per la ricerca clinica presso l’Albert Einstein Cancer Center e il Montefiore Health System di New York e vicepresidente dell’ECOG-ACRIN Cancer Research Group.

Lo studio ha coinvolto 10.273 donne con questo tipo di cancro al seno in 1.182 siti negli Stati Uniti, Australia, Canada, Irlanda, Nuova Zelanda e Perù.

Quando le pazienti sono state inserite nello studio, i loro tumori sono stati analizzati utilizzando il 21-gene expression test e assegnato un punteggio di rischio (su una scala di 0-100) per la recidiva del cancro.

Sulla base delle evidenze di studi precedenti, le donne che hanno ottenuto un punteggio nella fascia a basso rischio (0-10) hanno ricevuto solo terapia ormonale, e quelle che hanno ottenuto un punteggio nella fascia ad alto rischio (26 e oltre) sono state trattate con chemioterapia e terapia ormonale.

Le donne nello studio che hanno ottenuto un punteggio intermedio (11-25) sono state assegnate casualmente alla sola terapia ormonale o alla terapia ormonale con chemioterapia adiuvante.

L’obiettivo è stato quello di valutare se le donne che hanno ricevuto la sola terapia ormonale hanno avuto risultati altrettanto buoni di quelle che hanno ricevuto anche la chemioterapia.

I risultati hanno mostrato che la maggior parte delle pazienti che hanno seguito la terapia ormonale non ha avuto benefici maggiori rispetto a chi ha fatto anche la chemio ed anche i tassi complessivi di sopravvivenza sono risultati molto simili.

A cinque anni, per chi ha ricevuto solo la terapia ormonale il tasso di sopravvivenza complessivo è risultato del 98,0%, mentre per chi ha ricevuto anche la chemio è stato del 98,1%.

A nove anni i rispettivi tassi di sopravvivenza complessivi sono stati del 93,9% e del 93,8%.

I ricercatori hanno anche rilevato che le donne con un punteggio di 0-10 solo in terapia ormonale, a 9 anni hanno avuto tassi di ricorrenza molto bassi (3 per cento).
Ciò conferma i risultati simili di studi precedenti.

Inoltre, hanno scoperto che le donne con un punteggio di 26-100 hanno avuto un tasso di recidiva a lungo termine del 13 per cento nonostante la chemioterapia e la terapia ormonale.
Questo risultato indica la necessità di sviluppare terapie più efficaci per le donne ad alto rischio di recidiva.

Quanto emerso suggerisce di considerare la chemioterapia per il rimanente 30% di donne con HR positivo, HER2 negativo e linfonodo ascellare negativo:

. a tutte le età con punteggio di ricorrenza di 26-100 (17%);

. 50 o meno di età con punteggio di ricorrenza di 16-25 (14%).

C’è un avvertimento riguardo queste scoperte.
Quando i ricercatori hanno analizzato separatamente le donne in premenopausa e quelle di età inferiore ai 50 anni al limite superiore dell’intervallo di rischio intermedio (16-25), i risultati hanno mostrato che ci può essere un piccolo beneficio dalla chemioterapia, e quindi queste donne dovrebbero considerare la chemioterapia con il loro medico.

Tuttavia, non è chiaro se questo beneficio sia dovuto all’effetto della chemioterapia o alla soppressione endocrina causata dalla menopausa indotta dalla chemioterapia.

Per quanto riguarda la sopravvivenza libera da malattia invasiva, i ricercatori hanno anche trovato che la percentuale di donne che non sono morte o che non hanno sviluppato una recidiva o un secondo cancro primario è stata molto simile in entrambi i gruppi.

Cinque anni dopo il trattamento, il tasso di sopravvivenza libera da malattia invasiva è stato del 92,8% per coloro che avevano ricevuto la sola terapia ormonale e del 93,1% per coloro che avevano ricevuto anche la chemioterapia.

A nove anni, il tasso è stato del 83,3% per quelli con terapia ormonale da sola e 84,3% per il gruppo che ha avuto entrambe le terapie.
Nessuna di queste differenze è stata considerata statisticamente significativa.

Per saperne di più
2018 ASCO Annual Meeting
Link…

American Society of Clinical Oncology (ASCO)
Link…

Albert Einstein College of Medicine
Link…

National Cancer Institute (NCI)
Link…

U.S. National Institutes of Health
Link…

Marco Dal Negro

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest

About the Author

Nota bene: Nelle diverse lingue i contenuti possono cambiare anche nella sostanza