My Best Life: un aiuto per vivere meglio

Seguici su

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

 

 

News

04/08/2000
Si chiama "Malassezia Furfur" ed è responsabile della pitiriasi versicolor

04/08/2000
Proprietà del mandorlo

03/08/2000
Ultrasuoni contro il cancro alla prostata

03/08/2000
Idromassaggio: istruzioni per l'uso

02/08/2000
Isralele: nuova tecnica diagnostica per i disturbi gastrointestinali

02/08/2000
Insonnia: prima di passare ai farmaci provate...

01/08/2000
Atlanta, Georgia, USA: ritirato il vaccino antipolio Sabin

01/08/2000
Dermatite atopica: benefici dalla fitoterapia

31/07/2000
Buone notizie per alcuni tipi di cecità

31/07/2000
Proprietà terapeutiche del rafano

Notizie precedenti

Links
e-mail
Cerca nel sito

 

 

Proprietà terapeutiche del rafano (31/07/2000)

Tra le circa duemila specie di vegetali appartenenti alla famiglia delle Brassicacee, particolare attenzione va dedicata al rafano (Armoracia Rusticana), una radice coltivata per lo più a scopo commestibile. Il rafano però, noto anche con i nomi di cren e barbaforte, contiene svariati componenti che ne fanno anche un ottimo rimedio terapeutico. Nella radice si trovano infatti i glucosinati, precursori naturali degli isotiocinati. Questo ha fatto del rafano un curioso oggetto di studio da parte dei ricercatori poiché si è scoperto che ad un danno subito dalle cellule vegetali, consegue un rilascio di glucosinati i quali vengono successivamente convertiti in isotiocinati dall'enzima mirosinasi. Gli studiosi sostengono, a tal proposito, che gli isotiocinati possano essere dei potenziali agenti protettori contro il cancro poiché molti di essi inibiscono l'effetto cancerogeno di svariate sostanze.
Ma il rafano non contiene solo isotiocinati, ma anche fenoli, acido ascorbico, resina, cumarine e zuccheri. La medicina lo utilizza per trattare le infezioni delle vie urinarie, le affezioni dell'apparato respiratorio e come stimolante i processi digestivi e diuretici.
Da assumersi generalmente prima dei pasti in dosi giornaliere di solito non superiori ai 2-4 grammi, un abuso può provocare fenomeni irritativi e vesciche. L'uso è sconsigliato in gravidanza, allattamento ed a coloro che presentano ridotta funzionalità tiroidea.

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti (aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

Home di Mybestlife.com - Salute - DepressioneSessualità
 Ambiente - Gola - Musica - Capirsi - Grafologia - Ridere
Per saperne di più
- Video - Mix -
Cerca nel sito
Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2014 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

 

 

Pubblicità