SALUTE DEPRESSIONE SESSUALITA' CAPIRSI GRAFOLOGIA GOLA AMBIENTE MUSICA RIDERE MIX VIDEO CERCA



Home page

Ultime news

Archivio news

In caso di...

Per saperne di più...

Medicina
occidentale

Medicine
complementari

Medicina cinese
e agopuntura

 

Omeopatia

 

Fitoterapia

 

Chi è

Links

E-mail

Cerca nel sito

 

Per conoscere la psicosomatica:

Italiano - English

 


Il consumo di caffeina influisce sul livello degli estrogeni (31/01/2012)

 

La caffeina modifica i livelli di estrogeni nell'organismo, ma non sempre allo stesso modo.
Una ricerca dei National Institutes of Health (NIH), U.S.A., ha verificato che l'assunzione di caffeina può aumentare o ridurre i livelli di estrogeni nel corpo, a secondo della bevanda attraverso cui l'assumiamo e di chi l'assume.

In particolare 200 milligrammi di caffeina, che corrispondono più o meno a due tazze di caffè americano, fanno aumentare gli estrogeni alle donne in età fertile asiatiche, li fanno diminuire a quelle bianche, mentre per quelle nere i risultati sono stati statisticamente irrilevanti.

Il calcolo totale della caffeina assunta è stato fatto sommando le seguenti fonti: caffè, te nero, te verde e bibite contenenti caffeina.
Il risultato è ancora stato ancora più vario del previsto.
Assumere la caffeina solo attraverso tazze di caffè americano ha dato risultati equivalenti a quelli ottenuti con un'assunzione da un mix di fonti, mentre l'assunzione quotidiana di più di una bibita con caffeina o di una tazza di te verde è risultata essere associata con un aumento degli estrogeni sia nelle donne asiatiche che in quelle bianche che in quelle nere.

Le variazioni di estrogeni nelle donne che hanno partecipato allo studio non hanno influenzato l'ovulazione, cosa che era invece emersa in altri studi sugli animali.

Secondo Enrique Schisterman, Ph.D., della Division of Epidemiology, Statistics and Prevention Research presso l'Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), istituto parte dei National Institutes of Health (NIH) nel quale alcune delle ricerche sono state condotte, afferma che, nel breve termine, queste variazioni degli estrogeni nei vari gruppi non sembrano avere effetti pronunciati, e ricorda che le variazioni negli estrogeni sono associate a patologie come l'endometriosi, l'osteoporosi ed il cancro all'endometrio, al seno ed alle ovaie. Data questa potenziale influenza della caffeina sui livelli degli estrogeni, nel lungo periodo, è sensato tenerne conto quando si progettano studi su questi argomenti.
Gli autori dello studio, poi, sottolineano che l'89% delle donne statunitensi di età tra i 18 ed i 34 anni consuma quotidianamente caffeina equivalente a quella contenuta in 1.5 - 2 tazze di caffè.
Allo studio hanno partecipato 250 donne tra i 18 ed i 44 anni, tra il 2005 ed il 2007. Mediamente hanno consumato 90 milligrammi di caffeina al giorno,l'equivalente di una tazza scarsa di caffè.
La maggior parte delle partecipanti allo studio ha comunicato i propri dati da una a tre volte alla settimana per la durata di 2 cicli mestruali.
Durante le visite le donne hanno comunicato quello che hanno mangiato nelle precedenti 24 ore ed hanno risposto a domande su attività fisica, sonno, fumo ed altri aspetti dello stile di vita, e sono stati misurati loro i livelli degli ormoni sessuali nel sangue.

Responsabile dello studio è stata Karen C. Schliep, Ph. D., M.S.P.H., della University of Utah, Salt Lake City. Il Dr. Schliep ha intrapreso la ricerca assieme al Dr. Schisterman ed i colleghi della University of Utah, l'NICHD e la State University of New York di Buffalo.
Lo studio è stato pubblicato online sull'American Journal of Clinical Nutrition.

Per saperne di più
National Institutes of Health (NIH)

(MDN)

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti
(aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

  

 

 

 

“”