Anopheles stephensi

L’uso di 2 diversi vaccini sperimentali contro la malaria può portare fino al 91% di riduzione dei casi.

Il Dr. Andrew Blagborough, del Department of Life Sciences all’Imperial College London, ha ottenuto una riduzione del 91% dei casi di malaria combinando insieme due vaccini sperimentali che agiscono secondo percorsi differenti raggiungendo singolarmente il 48% ed il 68% di riduzione dei casi.

I due tipi di vaccini appartengono a due categorie: quelli che prevengono la trasmissione del parassita responsabile della malaria (transmission-blocking vaccines, TBV) e quelli che prevengono l’infezione del fegato da parte del parassita (pre-erythrocytic vaccines PEV).

RTS è il primo vaccino PEV al mondo che ha mostrato di offrire una parziale protezione di bambini piccoli bloccando l’nfezione nel fegato, ma l’efficacia non supera il 50% dei casi.

Attualmente si stanno sperimentando (in fase iniziale) diversi tipi di vaccino che cercano di ridurre il numero di parassiti nelle ghiandole salivari della zanzara.
L’efficacia va dal 50% al 95%.

Si è sempre pensato che un mix di diversi vaccini avrebbe potuto offrire un protezione maggiore, ma non era mai stato fatto fino ad ora.

Il passaggio successivo sarà ora quello di mettere a punto le modalità di somministrazione.

Per saperne di più
Synergy in anti-malarial pre-erythrocytic and transmission-blocking antibodies is achieved by reducing parasite density
Link…

The Imperial College London
Link…

The Medical Research Council
Link…

Marco Dal Negro

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest

About the Author

Nota bene: Nelle diverse lingue i contenuti possono cambiare anche nella sostanza