Le microplastiche sono arrivate a minare la capacità dei mitili di attaccarsi agli scogli e ai sostegni degli allevamenti riducendo la produzione di bisso, i fili usati per legarsi che troviamo attaccati alla conchiglia quando li comperiamo.

Le conseguenze sull’ecosistema dei mari sono devastanti perchè non riuscendo più a restare tenacemente aggrappati al proprio supporto ne vengono facilmente rimossi dai predatori e dalla violenza delle onde.

In questo modo non si forma o non si mantiene quel reef formato dall’aggregazione di molti individui che a sua volta è habitat di altre creature marine.

Il danno alla produzione mondiale di mitili è poi valutato in 3-4 miliardi di U.S.$ all’anno.

Uno studio diretto dalla Dott.ssa Dannielle Green della Anglia Ruskin University ha verificato che l’esposizione di mittili a microplastiche non biodegradabili per 52 giorni ha ridotto del 50% la forza con la quale il mittile si lega, calcolata misurando la forza verticale necessaria per staccarlo.

Per comprendere le possibili conseguenze sulla salute dei mittili i ricercatori hanno misurato le proteine all’interno del fluido circolatorio (emolinfa) dei molluschi, che svolge una funzione simile a quella del nostro sangue.

In questo modo si è visto che le microplastiche stimolano una forte risposta immunitaria ed interferiscono con il metabolismo degli animali.

Come potrete vedere seguendo il Link qui sotto le microplastiche sono già state trovate anche nelle feci umane: polipropilene (PP), polietilene teraftalato (PET) e non solo condividono ormai intimamente la nostra vita. Conseguenze?

Sono ormai innumerevoli le ricerche scientifiche della massima serietà che riguardano le conseguenze sul nostro corpo e la nostra vita quotidiana legate al connubio tra plastiche e corpo umano: le interferenze con i nostri ormoni ed il nostro sistema immunitario si traducono in problemi nella sfera intima ed in quella riproduttiva, nella carica energetica e nella capacità di affrontare le malattie, solo per citarne alcune.

Non si tratta di vivere o morire, ma di vivere meglio o anche molto molto peggio.

Vedi anche
Trovate microplastiche nelle feci umane (31/10/2018)
Link…

Per saperne di più
Exposure to microplastics reduces attachment strength and alters the haemolymph proteome of blue mussels (Mytilus edulis)
Link…
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0269749118338314

ARU – Anglia Ruskin University
Link…

Marco Dal Negro

This post is also available in: enInglese

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest

About the Author

Nota bene: Nelle diverse lingue i contenuti possono cambiare anche nella sostanza