.

 

 

 

 

 

Italiano - Español - English 

 


Le vacche da latte tenute all'aperto fanno bene all'ambiente (16/09/2011)

 

In realtà non è una novità: le vacche da latte, e non solo, allevate all'aperto come si usa in molti paesi, stanno meglio, danno prodotti più buoni, e si inseriscono nel ciclo biologico della natura.
Oggi uno studio dello U.S. Department of Agriculture (USDA) sostiene che le vacche da latte tenute fuori a pascolare tutto l'anno, hanno un'impronta ecologica minore, rispetto a quelle tenute normalmente nelle stalle.

La ricerca è Statunitense, ma basta andare nel sud della Spagna o dell'Irlanda per vedere le bestie che vivono fuori, sempre tutto l'anno, con beneficio per tutti.
L'ingegnere agricolo Al Rotz dell'Agricultural Research Service (ARS), ed il suo gruppo, hanno fatto la valutazione dei diversi modi di gestire un tipico allevamento per la produzione di latte, di 250 acri, della Pennsylvania, cercando di vedere cosa cambiava nell'impatto sull'ambiente circostante.
L'ARS  è l'agenzia interna responsabile scientifica dello U.S. Department of Agriculture (USDA), e questo lavoro supporta l'impegno dell'USDA nella promozione di un'agricoltura responsabile.
Rotz lavora all'ARS Pasture Systems and Watershed Management Research Unit in University Park, Pa.

Per questo studio, Rotz ed il suo gruppo hanno utilizzato l'Integrated Farm System Model, un programma per computer che simula la maggior parte delle componenti biologiche, dei processi fisici e delle interazioni tra il campo, i manzi o la stalla con mucche da latte.
Gli scienziati hanno raccolto una quantità di dati sui sistemi di pascolo, la gestione dei reflui dell'allevamento e l'impatto sulla perdita di nutrienti dell'ambiente circostante. 
Quindi hanno applicato un modello di allevamento ideale, supportato dai dati reali, per valutare le dinamiche ambientali di 4 differenti tipi di allevamento, in una proiezione di 25 anni.

Il modello ha generato stime per le emissioni di ammoniaca dagli escrementi, i tassi di denitrificazione del terreno, i nitrati, l'erosione del suolo e le perdite di fosforo riguardanti il campo. Sono poi state stimate le emissioni di anidride carbonica, di metano, di protossido d'azoto sia di produzione primaria che secondaria di pesticidi, carburanti, elettricità ed altre risorse.

In rapporto con i sistemi di allevamento al chiuso, tenere le bestie fuori abbassava l'ammoniaca del 30%. I risultati indicavano anche, che il totale delle emissioni di gas serra, come metano, protossido di azoto ed anidride carbonica, erano l'8% più basse.

E ancora: quando i campi prima usati per coltivare il foraggio venivano convertiti a prateria per pascolo, i livelli di cabonio sequestrato balzavano da zero a quasi 4 tonnellate per ettaro, ogni anno. I risultati hanno anche suggerito che una mandria ben tenuta, fuori tutto l'anno, ha un'impronta ecologica del 6% più bassa.

Per saperne di più
United States Department of Agriculture - Research, Education and Economics

(MDN)


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2018 www.mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.