SALUTE DEPRESSIONE SESSUALITA' CAPIRSI GRAFOLOGIA GOLA AMBIENTE MUSICA RIDERE MIX VIDEO CERCA



Home page

Ultime news

Archivio news

In caso di...

Per saperne di più...

Medicina
occidentale

Medicine
complementari

Medicina cinese
e agopuntura

 

Omeopatia

 

Fitoterapia

 

Chi è

Links

E-mail

Cerca nel sito

 

Per conoscere la psicosomatica:

Italiano - English

 


Superbatteri: composto moltiplica per 16 efficacia antibiotici esistenti (15/02/2012)

 

I chimici della North Carolina State University hanno creato un composto in grado di moltiplicare per 16 l'efficacia degli antibiotici esistenti, nei confronti dei superbatteri resistenti alla maggior parte antibiotici.

I superbatteri che producono un enzima, il New Delhi metallo-β-lactamase (NDM-1) sono praticamente impermeabili agli antibiotici perché NDM-1 impedisce a certi anitbiotici di legarsi con il proprio obbiettivo batterico.
Il fatto che NDM-1 si trovi in batteri gram-negativi come il Klebsiella pneumoniae, che causa polmonite, infezioni del tratto urinario ed altre comuni infezioni normalmente acquisite in ospedale è particolarmente preoccupante.

Come potete vedere dai link sottostanti, le infezioni ospedaliere sono un problema sempre più grave per la difficoltà di cura ed ampio per la percentuale dei pazienti coinvolti. Qualche mese fa anche Vasco Rossi sembra sia incappato nel problema con conseguenze importanti anche nel suo comportamento.

Spiega Roberta Worthington, research assistant professor di chimica alla  NC State: "per cominciare ci sono meno antibiotici disponibili per trattare le infezioni da batteri gram-negativi rispetto a quelle causate da batteri gram-positivi. I batteri gram-negativi con l'enzima NDM-1, effettivamente neutralizzano le poche armi di cui disponiamo rendendo particolarmente difficile, se non impossibile curarli con le esistenti terapie antibiotiche."

In passato il Dr. Christian Melander aveva trovato che un composto derivato da una classe di molecole note come 2-ammino imidazolo rendevano gli antibiotici esistenti più efficaci nei confronti di batteri antibiotico-resistenti come il ceppo di Staffilococco MRSA.
Così Melander, Worthington e i laureati Cynthia Bunders e Catherine Reed si sono messi al lavoro su di una varietà di composti che potessero mostrare la stessa capacità nei confronti dei batteri Gram-negativi.

In un articolo pubblicato su ACS Medicinal Chemistry Letters Worthington e Melander descrivono un composto che, usato in associazione con l'antibiotico imipenem, incrementa l'efficacia contro il batterio Klebsiella pneumoniae di 16 volte.

La strada è aperta, ora bisogna continuare la ricerca in modo che i risultati arrivino fino agli ospedali.

La ricerca è stata finanziata dai National Institutes of Health e dalla Jimmy V Foundation. Il Department of Chemistry è parte del NC State’s College of Physical and Mathematical Sciences.

Per saperne di più
L'articolo
Small Molecule Suppression of Carbapenem Resistance in NDM-1 Producing Klebsiella pneumoniae

La North Carolina State University

(Marco Dal Negro)

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti
(aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

Home di Mybestlife.com - Salute - DepressioneSessualità
 Ambiente - Gola - Musica - Capirsi - Grafologia - Ridere
Per saperne di più
- Video - Mix -
Cerca nel sito
Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2013 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

  

 


Pubblicità



Pubblicità

 



 




 

 

“”