SALUTE DEPRESSIONE SESSUALITA' CAPIRSI GRAFOLOGIA GOLA AMBIENTE MUSICA RIDERE MIX VIDEO CERCA



Home
page

Ultime
news

Archivio
news

In caso di...

Medicina
occidentale

Medicine
complementari

Medicina cinese
e agopuntura

 

Omeopatia

 

Fitoterapia

 

Dipendenze

 

Chi è

Links

E-mail

Cerca nel sito

 

Per conoscere la psicosomatica:


Sedentarietà e lunghezza della vita: uno studio diverso (04/08/2010)


 

Un nuovo studio, condotto dal Dr. Alpa Patel, un epidemiologo dell' American Cancer Society, pubblicato sull'American Journal of Epidemiology del 22 luglio, ha approfondito il rapporto fra lo stare seduti e l'aspettativa di vita.
Ne è emerso che più tempo si passa seduti e più si accorcia la vita. 
La rilevanza dello studio sta nell'approfondire il rapporto tra il rischio totale di mortalità e lo stare seduti. Molti studi hanno trovato relazioni tra lo stare seduti ed l'obesità, il diabete di tipo 2, il rischio di patologie cardiache, ma pochi hanno esaminato il rischio totale di mortalità.

Gli autori dello studio hanno esaminato le risposte di questionari compilati da 123.216 persone, 53.440 uomini e 69.776 donne, senza una storia di patologie, che partecipavano ad uno studio di prevenzione del cancro fatto dall'American Cancer Society. I partecipanti furono seguiti per 14 anni, dal 1993 al 2006.

Nello studio emergeva che le persone morivano più per patologie cardiache che per tumori. Dopo avere considerato alcuni fattori di rischio tra cui l'indice di massa corporea ( BMI ) ed il fumo, si evidenziò che le donne che passavano 6 ore al giorno sedute avevano il 37% di rischio di morire in più rispetto a quelle che passavano solo 3 ore al giorno sedute.
Per gli uomini l'incremento era del 17%.

Nonostante l'esercizio fisico quotidiano, anche contenuto, tendesse a ridurre il problema, il rischio di morte rimaneva significativo.
Per contro, chi stava seduto molto senza fare alcun esercizio fisico o alcuna attività aveva un rischio di mortalità perfino superiore: +94% per le donne e +48% per gli uomini.

Al di là delle ovvie note relazioni tra la sedentarietà ed il dispendio di energie, sembrano evidenziarsi altri fattori biologici che spiegano quanto emerso. Una fiorente letteratura si è sviluppata sulla fisiologia dell'inattività.
Secondo il Dr. Patel, quando i muscoli, specialmente delle gambe, sono "seduti", vi è una stimolazione o soppressione di vari ormoni che interagiscono con i trigliceridi, il colesterolo ed altri indicatori di patologie non solo cardiache.

Origine
Jay Brooks, M.D., chairman, hematology/oncology, Ochsner Health System, Baton Rouge, La; Alpa Patel, Ph.D., epidemiologist, American Cancer Society, Atlanta; July 22, 2010, online edition, American Journal of Epidemiology

Fonte
http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/prevention/physicalactivity

(Marco Dal Negro)

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti
(aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

Home di Mybestlife.com - Salute - DepressioneSessualità
 Ambiente - Gola - Musica - Capirsi - Grafologia - Ridere
Per saperne di più
- Video - Mix -
Cerca nel sito
Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2013 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

  

 


Pubblicità



Pubblicità

 



 




 

 

“”