SALUTE DEPRESSIONE SESSUALITA' CAPIRSI GRAFOLOGIA GOLA AMBIENTE MUSICA RIDERE MIX VIDEO CERCA



Home page

Ultime news

Archivio news

In caso di...

Per saperne di più...

Medicina
occidentale

Medicine
complementari

Medicina cinese
e agopuntura

 

Omeopatia

 

Fitoterapia

 

Dipendenze

 

Chi è

Links

E-mail

Cerca nel sito

Per conoscere la psicosomatica:

.

Sudore abbondante

 

Introduzione

Che cosa è il sudore

Tipi di sudore

Che cos'è l'iperidrosi

Quali sono i rimedi

Le medicine alternative

Le regole per essere sempre a proprio agio

Che cosa è il sudore

Poiché è caratteristica di tutti i mammiferi a sangue caldo (specie a cui appartiene anche l'uomo) produrre calore, attraverso gran parte delle reazioni biochimiche necessarie alla vita, occorre al corpo da un lato non accumularlo e dall'altro non disperderlo. Ebbene, circa tre milioni di ghiandole sudoripare, cioè ghiandole che producono il sudore, sparse su tutta la superficie corporea, aiutano il corpo a mantenere la sua temperatura interna tra i 36 ed i 37 gradi centigradi, con una fluttuazione nell'arco della giornata che segna il minimo alla mattina presto e il massimo alla sera. E questo accade anche in presenza di variazioni termiche anche estreme dovute all'ambiente, come il calore estivo o il freddo invernale oppure allo svolgimento di attività fisica poiché il movimento produce sempre calore. Il sudore quindi è copioso quando il caldo aumenta la temperatura corporea e, poiché è ricco d'acqua, evapora raffreddando la cute e insieme l'interno del corpo; diminuisce invece quando fa freddo mantenendo il calore dentro l'organismo e quindi impedendo la dispersione. Per quanto riguarda però la calura estiva occorre precisare che quando l'ambiente esterno è umido il sudore ha difficoltà ad evaporare, mentre quando c'è un clima caldo - secco l'evaporazione è più facile e rapida tanto che il corpo può addirittura riuscire a conservare la propria temperatura persino nel caso in cui quella dell'ambiente raggiungesse i 90 gradi. Oltre a partecipare da protagonista alla conservazione o alla dissipazione di calore il sudore riveste altre due importanti funzioni: la prima è quella di fornire, insieme con il sebo prodotto dalle ghiandole sebacee, una pellicola protettiva "idrolipidica" alla pelle, rendendola elastica e aiutandola a difendersi da germi presenti nell'ambiente; la seconda è quella di eliminare scorie come acido lattico, urea, ammoniaca e tossine prodotte da germi o agenti inquinanti l'aria ed il cibo, oppure da farmaci o da degradazioni ormonali.

Regolazione del sudore. La secrezione del sudore da parte delle ghiandole sudoripare è regolata dal sistema neurovegetativo (simpatico e parasimpatico), cioè quel sistema che non possiamo comandare con la nostra volontà. Quando il sistema viene eccitato il sudore aumenta, quando viene invece inibito il sudore diminuisce. Ma che cosa eccita e inibisce il sistema neurovegetativo riguardo il sudore? Sicuramente il sistema di regolazione della temperatura corporea situato in una zona profonda del cervello e chiamata ipotalamo. Questo è un nucleo nervoso cerebrale vicino ai centri di controllo della circolazione, della respirazione, dell'emotività (vedremo poi l'importanza di quest'ultima), funzionante come un "quadro comandi" che ricorda i più sofisticati termostati dei sistemi di riscaldamento. Infatti a questo centro sono connessi una serie di sensori della temperatura posti in periferia (in particolare sulla cute) che registrano ed inviano a lui informazioni sul calore esterno al corpo. Così il centro di controllo "ipotalamico" mette in moto, se fa caldo, meccanismi di aumento della dispersione di calore attraverso il sudore e viceversa interviene, quando fa freddo, nell'aumentare la produzione impedendo contemporaneamente la dispersione cutanea (si suda meno).

( Dr. Antonio Turetta )

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti
(aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

.

  

 


Pubblicità



Pubblicità


Pubblicità


-

 

“”