SALUTE DEPRESSIONE SESSUALITA' CAPIRSI GRAFOLOGIA GOLA AMBIENTE MUSICA RIDERE MIX VIDEO CERCA



Home page

Ultime news

Archivio news

In caso di...

Per saperne di più...

Medicina
occidentale

Medicine
complementari

Medicina cinese
e agopuntura

 

Omeopatia

 

Fitoterapia

 

Dipendenze

 

Chi è

Links

E-mail

Cerca nel sito

Per conoscere la psicosomatica:

.

I Mesi freddi: prevenire e curare raffreddori, influenze e mal di gola

 

Venti regole d'oro da seguire d'inverno

I consigli utili per affrontare nel modo migliore i mali più comuni

E' la qualità degli indumenti che crea "l'effetto caldo", indossate quindi tessuti che permettono di trattenere il calore del corpo: a contatto con la pelle cotone e seta, e sopra lana.

Evitate indumenti attillati o comprimenti perché in inverno il sangue circola meno in superficie e più in profondità. Poiché questo è alla base della "sensazione di freddo" con indumenti larghi il sangue circola meglio a livello cutaneo.

Quando uscite di casa proteggetevi, soprattutto in giornate fredde e ventose, con sciarpe di lana o anche di seta.

Meglio vestirsi "a stati" quando si esce, per liberarsi eventualmente di una parte degli abiti entrando in un luogo riscaldato.

Per la dieta privilegiate carciofi, porri, cipolle e cardi, che hanno proprietà depurative; frutta secca, castagne e patate perché toniche ed energetiche; verze, agrumi, broccoli, cavoli, spinaci, ricchi di acqua, fibre, vitamine e sali minerali. Ma non assumete troppe calorie perché d'inverno prevale "naturalmente" la sedentarietà sul movimento.

Per chi sa di essere "debole" dal punto di vista respiratorio sono indicati aglio e cipolle per il loro eccellente potere disinfettante, specie sull'apparato polmonare e gastrico, e regolarizzanti il ricambio idrico. Utile anche l'uso del peperoncino perché fornisce energia e porta calore.

La vitamina C protegge soprattutto dal raffreddore comune, dunque è utile assumerla quotidianamente ricordandosi però di diminuire l'apporto di zuccheri perché è dimostrato che competono con il potere della vitamina C.

L'integrazione di vitamina A ha dimostrato di esercitare una notevole azione immunostimolante e antinfezioni ed esercita una potente attività contro i virus.

D'inverno meglio un bagno caldo di una doccia perché, oltre a scaldare e rilassare di più, si possono sciogliere nell'acqua piante balsamiche utili all'apparato respiratorio e alla pelle come pino, lavanda, timo, eucalipto. Per un'azione antinfiammatoria si può aggiungere all'acqua del bagno un estratto di artiglio del diavolo, ottimo per i dolori artrosici.

Il cosiddetto "colpo d'aria" potrebbe mietere meno "vittime" se trovasse organismi allenati a convivere con il freddo. Per questo mantenere nell'abitazione una temperatura di 20 gradi, anche aprendo ogni tanto le finestre.

Umidificate gli ambienti. L'umidificazione migliora con essenze di timo, verbena, eucalipto.

Quando avete la febbre non uscite e prendetevi un giorno di riposo senza ricorrere subito alle medicine. In questo caso è utile l'essenza di cannella di Ceylon, che stimola la circolazione ed il respiro, favorisce l'abbassamento della febbre grazie all'aumento della sudorazione.

Durante il sonno profondo vengono liberate potenti sostanze immunostimolanti, dunque non va sottovalutata l'importanza del sonno e del riposo non solo durante un raffreddore o un'influenza, ma in tutto l'inverno.

Per il raffreddore si può bere succo di cipolla: è diuretico, antireumatico e antisettico per le vie respiratorie.

Durante l'influenza occorre seguire una dieta liquida con spremute, succhi di frutta e verdura.

Quando si sente un dolore retrosternale le vecchie "polentine" di farina di riso sul petto sono ancora miracolose.

Per un effetto antidolorifico ed antinfiammatorio del "mal di gola" si può ricorrere a gargarismi quotidiani con un decotto di equiseto, fiori d'arnica e fieno greco.

Nelle laringiti con abbassamento di voce, la pianta più impiegata è l'erìsimo usata in infusione come decotto.

Per prevenire e curare le malattie della gola è consigliabile assumere quotidianamente della tintura madre di propoli. Quando la gola brucia troppo questo rimedio è preparato anche con glicerina per non irritare la gola con la piccola quantità di alcool presente nelle tinture madri.

Nella bronchite, soprattutto con tosse, lo sciroppo di lumache è la più antica ricetta attualmente "riscoperta".

( Dr. Antonio Turetta )

Pag. 1-2

 

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti
(aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

.


Home di mybestlife.com - Salute - Sessualità - Gola - Depressione - Capirsi - Musica - Grafologia - Ambiente - Per saperne di più - Viaggi: tutto in una pagina - Meteo - Ridere - Mix

Cerca nel sito

Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2015 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

  

 


Pubblicità



Pubblicità


Pubblicità


-

 

“”