SALUTE DEPRESSIONE SESSUALITA' CAPIRSI GRAFOLOGIA GOLA AMBIENTE MUSICA RIDERE MIX VIDEO CERCA



Home page

Ultime news

Archivio news

In caso di...

Per saperne di più...

Medicina
occidentale

Medicine
complementari

Medicina cinese
e agopuntura

 

Omeopatia

 

Fitoterapia

 

Dipendenze

 

Chi è

Links

E-mail

Cerca nel sito

Per conoscere la psicosomatica:

.

E' primavera: quali controlli fare per affrontarla al meglio?

 

Gli uomini sotto i 45 anni

Dai 20 ai 45 anni tutti gli uomini dovrebbero effettuare almeno ogni due anni degli esami di controllo perché è proprio in questo arco di età che l’organismo viene più "bombardato" dai cosiddetti fattori di rischio di numerose malattie (stress, fumo, inquinamento, alimentazione scorretta). Vediamo ora quali sono gli esami da effettuare. Tutti gli esami del sangue di base elencati nella tabella.

Una visita cardiologica con elettrocardiogramma a riposo. Chi viaggia spesso e, soprattutto d’inverno si reca in Paesi tropicali, deve ricercare i markers dell’epatite virale di tipo B e di tipo C. Mentre per il primo tipo di epatite esiste la vaccinazione, oggi obbligatoria per i bambini, non è così per il secondo tipo che è la principale causa del 70% delle epatiti croniche.

L’esame delle feci è un altro esame di routine molto utile per individuare i parassiti e le infezioni intestinali.

La radiografia del torace è necessaria soprattutto per chi vive nelle grandi città dove i polmoni sono messi a dura prova dall’inquinamento ma anche dal fumo di sigaretta detto passivo, cioè quello che viene assorbito stando a contatto con chi fuma in ambienti chiusi.


Le donne  sotto i 45 anni

Le donne, nonostante vivano più a lungo degli uomini, nei Paesi industrializzati devono effettuare un numero maggiore di esami rispetto agli uomini. Vediamoli.

Tutti gli esami indicati precedentemente per gli uomini, tenendo conto però che l’organismo femminile è più protetto rispetto a quello maschile nei confronti delle malattie cardiovascolari.

La sideremia, ovvero la quantità di ferro contenuta nel sangue, insieme alla ferritina, cioè quella proteina che funge da deposito del ferro, sono sicuramente due degli esami più importanti nella donna per prevenire l’anemia. Questa malattia ha una discreta incidenza fra le donne a causa delle mestruazioni, dell’alimentazione spesso scorretta, della colite spastica, più frequente fra le donne che tra gli uomini.

Il controllo del sistema di coagulazione (trombo - plastina parziale, tempo di protrombina, dosaggio del fibrinogeno) è un altro esame che differenzia le donne dall’uomo perché sono più soggette ai disturbi della coagulazione con formazione di coaguli di sangue nelle vene.

La visita ginecologica è un altro cardine del check up delle donne non solo per tenere sotto controllo l’apparato "genitale - riproduttivo" ma anche per "palpare" il seno, oppure per imparare l’autopalpazione; fondamentale per poter individuare formazioni cistiche o nodulari.

Il pap test (o test di Papanicolau) è uno degli esami che hanno salvato più vite umane. Si tratta di un indolore prelievo, con un tamponcino, della mucosa dell’ultimo tratto dell’utero (cervice) che sbocca nella vagina. Il materiale viene "strisciato" su di un vetrino e quindi esaminato al microscopio.

A causa della conformazione anatomica e fisiologica dell’apparato genitale femminile le donne, rispetto agli uomini, sono più esposte al rischio di cistiti, cioè le infezioni delle vie urinarie, è dunque utile effettuare l’urinocoltura, cioè la ricerca di batteri nelle urine.

La mammografia non è considerato un esame abituale. Tuttavia in questo arco di vita è da effettuare due - tre volte soprattutto nelle donne che hanno avuto in famiglia casi di tumore al seno.


Oltre i 45 anni

Tutti gli esami indicati precedentemente per donne e uomini sono necessari anche dopo i 45 anni e devono essere fatti con particolare puntualità annuale. Vediamo adesso quali sono gli esami da aggiungere elencando dapprima quelli che uomini e donne devono effettuare, quindi quelli che li differenziano.

La ricerca del sangue occulto nelle feci è l’indagine che, se compiuta con regolarità, aiuta con precisione a individuare precocemente uno dei tumori più diffusi dopo i quaranta, cinquant’anni e cioè quello dell’intestino colon, anche poliposi e diverticoli.

La funzionalità respiratoria, soprattutto per chi fuma, è una prova necessaria per prevenire ed eventualmente curare tempestivamente la bronchite cronica o la bronchite asmatica, malattie frequenti soprattutto dopo i cinquant’anni.

L’esame audiometrico, almeno ogni due anni, per valutare eventuali danni all’apparato acustico soprattutto per chi vive o lavora da lungo tempo in ambienti e situazioni rumorosi ("inquinamento acustico").

Per prevenire e curare tempestivamente il glaucoma, malattia provocata dall’aumento della tensione dei liquidi interni al bulbo oculare, è necessario ogni due anni, sopra i 40-45 anni, far misurare da uno specialista oculista la pressione "endo oculare". Le persone particolarmente a rischio di glaucoma sono quelle con precedenti familiari, i miopi e i diabetici.

Sempre ogni due anni è utile una visita fisiatrica o reumatologica per valutare lo stato articolare e muscolare in generale per individuare, prevenire e curare, l’artrosi, soprattutto delle ginocchia, dell’anca, delle vertebre e della spina dorsale.

Per gli uomini, soprattutto dopo il compimento dei cinquant’anni, è consigliabile ogni due anni fare un’ecografia addominale per valutare la situazione prostatica (ipertrofia, infiammazione, tumori, sono più frequenti dopo questa età). Un altro esame utile è quello del Psa (antigene serum prostaticum) effettuato sul sangue e che, variando dai suoi valori normali, è in grado di far sospettare in modo precoce un tumore prostatico.

Per le donne, invece, oltre all’ecografia per utero e ovaie, è raccomandabile ogni due anni osservare con la Moc (miralometria ossea computerizzata) il grado di densità delle ossa poiché con l’avvicinarsi della menopausa c’è un discreto rischio di osteoporosi. Su consiglio del ginecologo poi mammografia e pap test in questa età possono essere più frequenti che nelle età precedenti.

( Dr. Antonio Turetta )

Pag. 1-2-3-4

 


L'armadietto omeopatico casalingo
(del Dott. Turetta)
Quali sono i problemi o le disfunzioni che possono giovarsi di un intervento omeopatico d'urgenza e, di conseguenza, come dovrebbe essere un ideale armadietto medicinale omeopatico casalingo.


 

Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti
(aggiungi segnalibro):
premi il tasto  Ctrl   assieme al tasto  D

.

  

 


Pubblicità



Pubblicità


Pubblicità


-

 

“”