My Best Life: un aiuto per vivere meglio

Seguici su

SALUTE

DEPRESSIONE

SESSUALITA'

CAPIRSI

GOLA

AMBIENTE

MUSICA

RIDERE

Interviste:

A

Alice

Alice(2)

Vincente Amigo

Ani Di Franco

Tori Amos

Laurie Anderson

Nicola Arigliano
"Go Man"

Richard Ashcroft

Natasha Atlas

Awahoshi

B

Badmarsh & Shri

Erykah Badu

Baixinho

Franco Battiato

Beth Orton

Björk

Mary J.Blige

Brian Eno e
J. Peter Schwalm

Carlinhos Brown

Jackson Browne

Françoiz Breut

David Byrne

Bjork

C

John Cale

Vinicius Cantuaria

Vinicio Capossela

Luzmila Carpio

Jamie Catto e
Duncan Bridgeman

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

The Chieftains

Leonard Cohen

Shawn Colvin

Carmen Consoli

Carmen Consoli2

Cornershop

Elvis Costello con
Burt Bacharah

Cranberries

Sheryl Crow

D

Cristiano De Andrè

Sussan Deyhim

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

E

Elio e le
Storie Tese

Elisa

Enya:
"a day without rain"

Enya

F

Faithless

Giovanni Lindo
Ferretti

The Folk Implosion

Michael Franti

Freak Antoni

G

Gabin

Peter Gabriel

Max Gazzè

Goldfrapp

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

H

Christoph Haas

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

J

Jewel

Norah Jones

Jovanotti

K

Kayah & Bregovic

Koop

Diana Krall

L

Le vibrazioni

Yungchen Lhamo

Donal Lunny

Arto Lyndsay

M

Madredeus

Mariza"Fado curvo"

John Mayer

Loreena McKennitt

John McLaughlin
e Zakir Hussain

Pat Metheny

Stephan Micus
Desert poems

Stephan Micus

Moby

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

N

Sainkho Namtchylhak

Gianna Nannini

Neffa

Negrita

Noa

O

Orishas

 

R

Susheela Raman

Massimo Ranieri

Res

Laurence Revey

Rosana

Roy Paci 

Roy Paci & Aretuska

Antonella Ruggiero

S

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Ryuichi Sakamoto
"Gohatto"

Scott4

Sergent Garcia

Shivaree

Shri

Simple Minds

Si*Sè

Jimmy Scott

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha
Rokia Traoré:
l'intervista e 
il Concerto

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

V

Susanne Vega

Moreno Veloso

Viniciuis Cantuaria

Andreas
Vollenweider

W

Lena Willemark
e Ale Möller

Y

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

Hector Zazou

 

Flashback:

Blue Note

Musica dei Cieli

Rap

Battiato: intervista

Dick Hebdige

Fabrizio De Andrè

João Gilberto:
The legendary J.G.

Philip Glass

Nino Rota

The fabulous sixties

La Musica New Age

Links

Cerca nel sito

Ambiente, inquinamento, energia e bio architettura

 

Musica per l'anima

a cura di Roberto Gatti

 

Youssou N'Dour
"NOTHING'S IN VAIN"

 

Già lo si era capito fin dai tempi di "Seven Seconds" (con Neneh Cherry) e "In Your Eyes" (con Peter Gabriel), che Youssou N'Dour considerava i confini del Senegal ormai troppo ristretti per le sue enormi ambizioni.

E anche per la sua straordinaria voce, ovviamente: temprata fin dalla più tenera età nell'estetica del "gawlo", il "griot" (o cantastorie che dir si voglia) della tradizione africana più antica e pura. Ma per fortuna, a dispetto della sua voglia di conquistare il mondo intero e dell'ormai avvenuta cooptazione nelle schiere della pop music internazionale, tutto questo formidabile patrimonio continua a essere ben presente e pregnante, nelle coordinate musicali del "Leone di Dakar". Lo è nell'incedere martellante dei tamburi "mbung mbung", qui azionati dai formidabili Babacar "Mbaye Dieye" Faye e Jaco Largent. Lo è negli strumenti-guida dello scintillante ensemble che lo accompagna: la "kora", lo "xalam", il "balafon". Lo è, soprattutto, nel ritmo "mbalax" così elastico e suadente, messo a punto dal Leone fin dai tempi ormai lontani delle Super Etoiles de Dakar. E il bello è che tutto questo fascinoso background non viene alla luce soltanto nei tempi più "africani" del disco, cosa del tutto ovvia e naturale. Imprevedibilmente, riempie di sè anche una canzone come "Il n'y a pas d'amour heureux": scritta da Louis Aragon e Georges Brassens quasi quarant'anni fa.

L'intervista

Milano. In una bella mattinata di sole del primo autunno milanese, Youssou N'Dour se ne sta tranquillamente fuori dalla nuovissima libreria Feltrinelli a fumarsi una sigaretta. La gente passa, tutti lo guardano, qualcuno lo riconosce, ma nessuno gli chiede un autografo. Una differenza abissale rispetto a quel che era successo soltanto il giorno prima, quando nello stesso, meraviglioso, book-store di piazza Piemonte aveva fatto la sua augusta apparizione David Bowie: e centinaia di ragazzi - disperati, angosciati - lo supplicavano della carità di una stretta di mano, di un tocco in punta di dita, di un sorriso fuggevole. E lui niente, se ne stava lì più immobile di una guardia di Buckingham Palace, più impenetrabile di una sfinge d'Egitto, e magari persino scocciato di tanto incontenibile dimostrazione d'affetto. Chissà...
Ora, sarebbe fin troppo facile ipotizzare che una simile differenza di comportamenti sia dovuta al solo fatto che il Duca Bianco è infinitamente più famoso e osannato del Leone di Dakar. Questo è ovvio fino ai limiti della lapalissianità, ma un secondo elemento di divergenza sta probabilmente altrove. Sta nel fatto che Bowie ha deciso di comportarsi in maniera regale fin dai giorni del suo esordio, e Youssou N'Dour invece no. E' ancora il ragazzone affabile e premuroso che avevamo conosciuto ai tempi del debutto con le Super Etoiles de Dakar, più di vent'anni fa. E' ancora il "gawlo" (e cioè il "griot", il cantastorie) straordinariamente rispettoso dei costumi e delle tradizioni del suo paese, il Senegal: e anche per questo, forse, il magazine inglese "Folk Roots" l'ha recentemente nominato "artista africano del secolo". Sta di fatto che questa sua bonomia contagiosa aleggia nell'aria per tutta la durata della conferenza-stampa di lunedì mattina: permea di sè domande e risposte, neanche si fosse in una riunione di famiglia attorno al caminetto.

Youssou, il tuo nuovo disco si chiama "Nothing's in vain", e questo sembra proprio un messaggio di grande speranza...

"E infatti lo è. E' un modo di presentare una faccia dell'Africa forse ancora non troppo conosciuta: una faccia allegra, solare, positiva. E' l'idea di dare a tutti la possibilità di avere una visione di quel che accade nella vita di tutti i giorni: perché niente succede invano, appunto".

Per questo hai voluto dedicare il disco a tua madre?

"Sì, perché lei mi ha dato moltissimo. Mia madre è ancor oggi una grande "griot", e proprio in suo onore mi sono avvicinato, per la prima volta, agli strumenti tipici della tradizione senegalese: la "kora", lo "xalam", il "balafon". In più, moltissime canzoni sono cantate in lingua "wolof" e qualcuna anche in francese: perché così sono io in questo momento, un miscuglio vivente di Africa ed Europa, di "mbalax" e di pop music!".

E molte canzoni sono state registrate nel tuo studio di Dakar, lo Xippi...

"Certo, e questo per me - per noi - è molto importante. Lo Xippi è uno studio di registrazione molto ben attrezzato, non sfigurerebbe neppure a Londra e a Parigi. Perché - vedete - io sono dell'idea che se vogliamo fare una musica africana molto potente e pregnante, dobbiamo necessariamente utilizzare al meglio la tecnologia dell'Occidente avanzato. Ma - anche - usarla in maniera diversa, molto più partecipata e collettiva. Infatti il mio studio è concepito apposta per suonare dal vivo, e serve da punto di riferimento per moltissimi talenti del mio paese. Così, quando io non lo utilizzo, lo usano loro per suonarci e stare insieme. Ed è proprio bello vedere tutti questi grandi musicisti che arrivano lì con i loro strumenti, con gli amici e le famiglie al seguito. E' come un party, un happening, un rito collettivo!".

E' un'intuizione che già aveva avuto una trentina d'anni fa l'Orchestra Baobab. Che infatti, ora, è tornata in grande stile...

"Certo, e la cosa mi fa un enorme piacere. La Baobab era la mia orchestra prediletta già vent'anni fa, con quel suo meraviglioso mix di musica dell'Africa occidentale e di Cuba. Loro si erano sciolti proprio quando io ho cominciato la mia carriera, e per molto tempo mi sono sentito quasi in colpa di questo accidente, perché pensavo di avergli sottratto un po' di spazio vitale. Così, ora, il fatto che siano tornati in attività mi dà una gioia immensa".

A proposito di "mostri sacri". I Rolling Stones hanno mediamente sessant'anni, e ancora una volta ritornano in tour per rifare esattamente quel che facevano quarant'anni fa. E invece Toumani Diabate, quando ha compiuto sessant'anni (lo scorso anno), ha deciso di ritirarsi dicendo: "largo ai giovani!". Come giudichi questi comportamenti così antitetici?

"Come li giudico? - ride - Penso che gli Stones siano un'istituzione del rock, anche da un punto di vista strettamente finanziario, e dunque sono quasi obbligati a fare quel che fanno. Quanto a Toumani... io la sua decisione non l'ho proprio capita: è ancora così vitale, così straordinariamente creativo! Però è certo, parlando in senso generale, che la creatività sublime che ha permeato di sè gli interi anni Sessanta e Settanta si è un po' persa per strada: e infatti su tutti noi c'è molta pressione perché ritorniamo a quei livelli di fantasia e di invenzione, ammesso che sia possibile. E dunque, forse, la ragione del ritiro di Toumani sta tutta qui: nel non sentirsi all'altezza di un passato tanto grande e ingombrante. Anche se, personalmente, io non sono per niente d'accordo".

Per chiudere in bellezza, Youssou: qual è il senso profondo di questo "Nothing's in vain"?

"E' il potere dell'amore. Perché l'amore è straordinariamente positivo anche quando ci fa soffrire, è l'unica cosa al mondo di cui abbiamo realmente bisogno. Sia che si tratti di un amore molto terreno e mondano oppure sublime, supremo, ineffabile e apparentemente inafferrabile".

 

  Di Roberto Gatti

English text

email: info@mybestlife.com

Home di Mybestlife.com - Salute - DepressioneSessualità
 Ambiente - Gola - Musica - Capirsi - Grafologia - Ridere
Per saperne di più
- Video - Mix -
Cerca nel sito
Chi siamo e come contattarci

Copyright © 1998/2014 mybestlife.com tutti i diritti sono riservati eccetto quelli già di altri proprietari.

Recensioni:

A

“Eros & Ares”
L'ottava raccotlta
di musica di
10 Corso Como

a musica di
10 Corso Como

La musica di
10 Corso Como 2

AA.VV.
"Verve Remixed"

Damon Albarn

Alice
"Viaggio in Italia"

Tori Amos:
Scarlet's walk

Tori Amos:
Strange little girls

Tori Amos:
concerto di Milano

Amparanoia
"Somos viento"

Laurie Anderson

Laurie Anderson
"Life on a String"

Ani Di Franco

Anjali
“The World
of Lady A”

Nicola Arigliano
il concerto di Milano

Nicola Arigliano
Nu ritratto

Richard Ashcroft

  Natacha Atlas

Natasha Atlas (2)

René Aubry
Plaisirs d'amour

B

Susana Baca
espirituvivo

Susana Baca
il concerto di Milano

Susana Baca
Eco de sombras

Badmarsh & Shri

Erikah Badu
"Worldwide
Underground"

Erikah Badu
"Mama's Gun"

Baixinho

Banda Ionica
"Matri mia"

Orchestra Baobab
 "Specialist in
all styles"

Orchestra Baobab

Battiato

David Bowie
"Heathen"

Goran Bregovic
"Tales and songs
from weddings
and funerals"

Jackson Browne

David Byrne
Look into the eyeball

Bjork

Carlinhos Brown

Françoiz Breut

C

Café del mar

John Cale
"HoboSapiens"

Vincius Cantuaria
"
Tucuma"

Vincius Cantuaria
"Vinicius"

Vincius Cantuaria
conerto "Festate"

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela
"L'indispensabile"

Johnny Cash

Cecilia Chailly

Claude Challe

Manu Chao

   The Chieftains

Coldplay

John Coltrane

Shawn Colvin

Compay Segundo

Carmen Consoli

Carmen Consoli
L'eccezione

Paolo Conte
"Reveries"

Stewart Copeland

Cornershop

Cranberries

Sheryl Crow

D

Dadawa

Cristiano De Andrè

Francesco
De Gregori
Fuoco amico

Francesco
De Gregori e
Giovanna Marini

Rosalia De Souza

Maria Pia De Vito

Dido "Life for rent"

Patrizia Di Malta

Tanya Donelly

Ani Choying Drolma

E

Ludovico Einaudi
"I Giorni"

Elio e le
Storie Tese

Elio e le
Storie Tese

Brian Eno"
Drawn from life"

Enya
"a day without rain"

Cesaria Evora

F

Faithless

Marianne Faithfull
"Kissin' Time"

Marianne Faithfull

Ibrahim Ferrer"
Buenos Hermanos"

Giovanni Lindo
Ferretti

Bryan Ferry
"As time goes by"

Bryan Ferry
"Frantic"

The Folk Implosion

Michael Franti

G

Gabin

Peter Gabriel "UP"

Peter Gabriel

Richard Galliano
"Piazzolla forever"

Jan Garbarek

Djivan Gasparian
e Michael Brook

João Gilberto
Il concerto di MIlano

João Gilberto
Voz e violao

Goldfrapp
"Back Cherry"

Gotan Project

David Gray

Macy Gray

Henry Grimes

H

Taraf de Haïdouks

Gordon Haskell

Jon Hassel

Gemma Hayes

Kristin Hersh

Kristin Hersh &
Throwing Muses

Hooverphonic

Hooverphonic
Il concerto di Milano

J

Jewel

Joe Jackson 
"Night and Day II")

Enzo Jannacci

Keith Jarrett

Norah Jones

Jovanotti

K

Khaled

Ustad Nishat Khan

Angélique Kidjo

King Crimson

Koop

Diana Krall

I

Idir

Irlanda:
l'isola dei canti

L

Lamb

Lamb
"What Sound"

Daniel Lanois
"Shine"

Bill Laswell
Les Nubians
"One step..."

Les Nubians

Lettere celesti
compilation

Arto Lindsay
"Invoke"

M

Madredeus

Madredeus
"Antologia"

Malia

Mariza"Fado curvo"

Mau Mau

John Mayer

Pat Metheny

Stephan Micus

Stephan Micus
"Towards tha Wind"

Joni Mitchell

Joni Mitchell
"Travelogue"

Moby

Marisa Monte

Natalie Merchant

Sarah Jane Morris
"Love and pain"

Sarah Jane Morris

Alanis Morissette

Roberto Murolo

N

Sainkho Namtchylak
"stepmother city"

Gianna Nannini
Aria

Neffa

Negrita

Noir Désir

Noa

Noa "Now"

Michael Nyman
"Sangam"

Michael Nyman

O

Orishas

Beth Orton

P

Robert Plant

Prince

R

Susheela Raman
"Love trap"

Massimo Ranieri

Lou Reed
"The Raven"

Res

Laurence Revey

SA Robin Neko
"Soulways"

Amália Rodrigues

Rokia

Rosana

Roy Paci & Aretuska
"Tuttapposto"

Roy Paci & Aretuska
(golosi)

Antonella Ruggiero 1

Antonella Ruggiero 2

Rumi

S

Sade
lovers live

Sade
lovers rock

Sergio Secondiano
Sacchi

Morelembaum 2
Sakamoto "Casa"

Morelembaum
Sakamoto
Il concerto di Milano

Henry Salvador
"Chambre avec vue

Nitin Sawhney
"Human"

Nitin Sawhney

Scott4

Jimmy scott
 Over the rainbow

Jimmy Scott

Ravi Shankar

Talvin Singh "ha"

Simple Minds

Sergent Garcia

Paul Simon:
"You're The One"

Paul Simon
il concerto di MIlano

Bruce Springsteen
( di Roberto Gatti)

Bruce Springsteen
(di Francesca Mineo)

Si*Sè

David Sylvian
"Camphor"

David Sylvian 
"Everything and nothing"

David Sylvian 
recensione concerto

Joe Strummer

Subsonica

T

Rachid Taha

Luigi Tenco

Tom Waits
"Alice"
"Blood money"

Rokia Traoré:
"Bomwboi"

Tribalistas

Vassilis Tsabropoulos
"Akroasis"

V

Van de Sfroos
Perdonato
dalle lucertole

Caetano Veloso
Noites do norte

Caetano Veloso

Moreno Veloso

Anne Sofie von Otter
& Elvis Costello
For the Stars

W

Jah Wooble

Robert Wyatt

Y

Savina Yannatou

Pete Yorn

Youssou N'Dour

Z

Joe Zawinul

 

Flash:

Cantosospeso

Mickey Hart

Yungchen Lhamo

Paco Peña

Sainkho Namchylak

Sabri Brothers

Jah Wooble